Da Trenitalia un altro Vivalto per la flotta regionale di Trenord

Da ottobre 2018 è il quattordicesimo treno consegnato. Altri 20 treni arriveranno a partire da giugno 2019

Milano, 31 gennaio 2019

Arriva in Lombardia un altro treno Vivalto di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) per i pendolari lombardi.

La consegna di un ulteriore convoglio si inserisce nel quadro degli impegni di FS Italiane e Trenitalia per garantire il rilancio del trasporto ferroviario in Lombardia.

Il treno Vivalto, infatti, è il quattordicesimo convoglio che Trenitalia ha messo a disposizione di Trenord in meno di quattro mesi. Un numero superiore rispetto a quello concordato il 31 agosto 2018 da FS Italiane e Regione Lombardia.

Le caratteristiche del Vivalto, i dettagli delle azioni fatte nel 2018 e il piano di consegne per il 2019 sono stati illustrati oggi a Milano. Presenti Attilio Fontana e Claudia Terzi, Presidente e Assessore alle Infrastrutture Trasporti e Mobilità sostenibile di Regione Lombardia, Gianfranco Battisti e Orazio Iacono, AD e DG di FS Italiane e Trenitalia, Andrea Gibelli, Presidente Ferrovie Nord Milano, e Marco Piuri, AD Trenord.

Le dichiarazioni di Gianfranco Battisti e Orazio Iacono

“Anche in Lombardia, come nel resto delle regioni italiane – ha sottolineato Gianfranco Battisti, AD e DG di FS Italiane – stiamo lavorando per soddisfare le esigenze di chi ogni giorno viaggia in treno per i propri spostamenti metropolitani e regionali. Il 31 agosto 2018 avevo garantito al Presidente Fontana un cambio di rotta per Trenord. Con 14 treni, 20 risorse in service e un nuovo Consiglio di Amministrazione, abbiamo completato la prima fase degli interventi pianificati per rilanciare il trasporto ferroviario in Lombardia. Nel 2019 lavoreremo ancora per fare in modo che la nuova organizzazione industriale di Trenord consenta di diminuire le cancellazioni dei treni e aumentare gli standard di puntualità.”

“Treni più affidabili e a maggiore capacità di trasporto. È il primo contributo di Trenitalia – ha evidenziato Orazio Iacono, AD e DG di Trenitalia – per il trasporto ferroviario in Lombardia. Insieme ai convogli di Trenitalia, arriveranno in Lombardia anche i Pop e Rock. Treni regionali pensati e costruiti attorno alle esigenze dei pendolari e con una ancor più forte attenzione per le persone a ridotta mobilità e con disabilità, garantendo così un’autentica svolta per il trasporto metropolitano e regionale su ferro in Italia.”

L'impegno del Gruppo FS in Lombardia

Alla prima tranche di 14 treni seguirà, già a partire dai prossimi mesi, la consegna di ulteriori 35 convogli, che saranno progressivamente messi a disposizione di Trenord. I primi 20 treni saranno consegnati da Trenitalia fra giugno e dicembre 2019. Altri 10 treni di ultima generazione – cinque Rock e cinque Pop – arriveranno in Lombardia a partire da luglio 2019 e, infine, ulteriori 5 Pop nei primi mesi del 2020.

I treni regionali Rock e Pop, in costruzione negli stabilimenti italiani di Hitachi e Alstom, fanno parte della maxi commessa – senza precedenti per numero complessivo e valore economico – di Trenitalia e garantiranno livelli finora mai raggiunti nel trasporto regionale su ferro in Italia per prestazioni, comfort e compatibilità ambientale.

Saranno, dunque, complessivamente 49 i treni che, in un periodo medio-breve, Trenitalia metterà a disposizione di Trenord, garantendo le condizioni necessarie per assicurare un livello di qualità del servizio del trasporto regionale adeguato alle esigenze delle persone che ogni giorno scelgono il treno per spostarsi in Lombardia. Regione che, per volumi di traffico, è un bacino rilevante nel Paese.

Sempre con questo obiettivo e per supportare al meglio Trenord, Trenitalia ha anche assicurato un service con 20 risorse (macchinisti e capitreno) che garantiscono 22 servizi giornalieri.

È confermato anche in Lombardia il grande impegno su scala nazionale del Gruppo FS Italiane per garantire, attraverso un rilancio del trasporto ferroviario regionale, un miglioramento della qualità della vita di 1,5 milioni di pendolari che, ogni giorno, per motivi essenzialmente di lavoro e studio, utilizzano i convogli di Trenitalia per viaggiare. Uno sforzo in coerenza con le indicazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che sarà reso ancora più concreto con il nuovo Piano industriale di FS Italiane.

Condividi:
Condividi su Linkedin