Nel 2020 i ricavi operativi del Gruppo FS Italiane scendono, rispetto all’esercizio 2019, a 10,8 miliardi di euro, con un decremento complessivo di 1,6 miliardi di euro (-12,8%), essenzialmente dovuto al Coronavirus.

Al decremento dei ricavi si accompagna la decrescita dell’EBITDA di 976 milioni di euro che, pur rimanendo positivo, arriva a 1,6 miliardi di euro verso i 2,6 miliardi di euro dell’anno precedente (-37,4%), scontando però gli effetti COVID-19 per circa 1 miliardo di euro (con l’EBITDA Margin che passa conseguentemente dal 21% al 15%).

Di conseguenza, l’EBIT diminuisce, passando dagli 829 milioni di euro positivi nel 2019 ai 278 milioni di euro negativi del 2020 (-133,5%), dopo un impatto legato al Coronavirus pari a -999 milioni di euro.

Il Risultato netto di periodo scende a -562 milioni di euro (-1.146 milioni di euro rispetto al 2019; -196,2%) a valle di effetti COVID-19 per 986 milioni di euro.

Nonostante gli effetti del Coronavirus, il Gruppo FS Italiane mantiene un elevato livello di solidità patrimoniale e finanziaria, con mezzi propri che, a fine 2020, superano i 41,4 miliardi di euro.

La Posizione Finanziaria Netta, che si attesta a 8,9 miliardi di euro, varia per poco più di 1,2 miliardi di euro rispetto al 31 dicembre 2019. Anche i giudizi delle agenzie di rating (“BBB” da Standard & Poor’s e “BBB-” da Fitch) danno pieno riconoscimento della affidabilità patrimoniale e finanziaria del Gruppo.

Fonte: Documento di sintesi finanziaria annuale 2020