Foto: RFI

Rete Ferroviaria Italiana (RFI) è la società dell’Infrastruttura, controllata al 100% dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, che garantisce la sicurezza della circolazione ferroviaria sull’intera rete, sviluppa tecnologia dei sistemi e dei materiali ed assicura il mantenimento in efficienza della rete stessa.

Come responsabile delle linee, delle stazioni e degli impianti, RFI garantisce alle diverse imprese ferroviarie l’accesso alla rete italiana, assicura la manutenzione e la circolazione in sicurezza sull’intera infrastruttura, gestisce gli investimenti per il potenziamento e per lo sviluppo delle linee e degli impianti ferroviari e sviluppa la tecnologia dei sistemi e dei materiali.

Sul fronte internazionale, RFI promuove l'integrazione dell'infrastruttura italiana nella Rete Ferroviaria Europea, coordinandosi con i Paesi dell'UE in merito agli standard di qualità, alle azioni e alle strategie di commercializzazione dei servizi.

Attualmente le linee in esercizio si estendono per 16.787 km, dei quali 12.022 elettrificati e 7.619 a doppio binario, con 2.201 stazioni viaggiatori. Attraverso la partecipazione della controllata Bluferries al Consorzio Metromare dello Stretto assicura il collegamento marittimo passeggeri tra Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni.

RFI è stata costituita il 1° luglio 2001, per rispondere alle Direttive comunitarie, recepite dal Governo italiano, che hanno decretato la separazione fra il gestore della Rete e il produttore dei servizi di trasporto.

La missione di RFI è definita a partire dall'Atto di Concessione per la gestione dell'infrastruttura ferroviaria nazionale, sulla base delle specifiche normative di settore, sia nazionali che comunitarie, e dai Contratti di Programma con lo Stato.

I principali ambiti di attività riguardano:

  • la gestione in sicurezza della circolazione ferroviaria, anche tramite il presidio dei sistemi di controllo e comando della marcia dei treni;
  • il mantenimento in efficienza dell'infrastruttura ferroviaria nazionale per la sua piena utilizzabilità da parte delle Imprese di Trasporto, attraverso le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, dal 2014 disciplinate, insieme alle attività di safety, security e navigazione ferroviaria verso la Sicilia e la Sardegna, dal “Contratto di Programma  – parte Servizi” sottoscritto tra RFI, nella sua qualità di Gestore dell’Infrastruttura ferroviaria nazionale, e lo Stato;
  • la progettazione e realizzazione degli investimenti per il potenziamento dell’infrastruttura esistente e delle sue dotazioni tecnologiche oltre che per lo sviluppo e la costruzione, anche tramite le società partecipate, di nuove linee e impianti ferroviari secondo la programmazione definita con lo Stato tramite l’apposito “Contratto di Programma - parte Investimenti”
  • la definizione annuale dell’orario ferroviario sulla base delle richieste avanzate dalle Imprese Ferroviarie viaggiatori e merci secondo le regole esposte nel Prospetto Informativo della Rete (PIR), il documento ufficiale con cui il Gestore dell'Infrastruttura comunica ai propri clienti diretti criteri, procedure, modalità e termini per l'assegnazione della capacità dell'infrastruttura e per l'erogazione dei servizi connessi;
  • l’accertamento dell’idoneità psico-fisica del personale – sia proprio, sia delle imprese ferroviarie e di altri operatori del settore trasporti - impegnato in attività connesse con la sicurezza della circolazione dei treni e dell’esercizio ferroviario nonché con la sicurezza del trasporto pubblico navale e terrestre;
  • l'accessibilità delle stazioni e dei servizi in esse offerti ai viaggiatori e, in generale, a tutti gli utilizzatori secondo i principi e i valori di riferimento cui RFI ispira il proprio rapporto con i clienti e con il pubblico;
  • l’assistenza in stazione alle Persone a Ridotta Mobilità in conformità al ruolo di Station Manager assunto dalla Società dal dicembre 2010 in attuazione del Regolamento CE 1371/2007 su “Diritti e obblighi dei passeggeri del trasporto ferroviario”;
  • la fruibilità dei terminali merci di proprietà, anche attraverso l’offerta integrata di accesso all’infrastruttura e di servizi dell’ultimo miglio ferroviario erogati tramite la controllata Terminali Italia, attiva nel 2015 con un network esteso su tutto il territorio nazionale costituito da 16 terminali;
  • il collegamento marittimo per garantire la continuità territoriale dei servizi ferroviari verso la Sicilia, assicurato continuativamente tramite il traghettamento dei treni passeggeri e merci tra Villa San Giovanni e Messina, e verso la Sardegna,  svolto esclusivamente su richiesta delle Imprese ferroviarie per treni merci o trasporti di servizio;
  • l’integrazione della rete italiana nelle reti di trasporto transeuropee secondo i piani e gli standard definiti a livello sovranazionale e secondo i programmi condotti insieme ai Gestori dell’Infrastruttura esteri, anche nell’ambito di Gruppi di Interesse Economico Europei (GEIE), per l’interoperabilità delle reti e lo sviluppo dei corridoi merci.

RFI sul territorio

RFI, svolgendo attività mirate a sviluppare l'infrastruttura ferroviaria nazionale, assicura al nostro Paese una rete ferroviaria efficiente, sicura ed avanzata tecnologicamente, che si estende su tutto il territorio nazionale, occupando oltre 25.000 dipendenti in tutta Italia. Ciò ha comportato per l'Azienda uno sviluppo organizzativo fortemente caratterizzato da una copertura capillare del territorio. La struttura territoriale rappresenta la vera rete operativa di gestione dell'Infrastruttura: si tratta infatti non solo della rete infrastrutturale, ma anche delle stazioni e degli apparati che attengono alla circolazione dei treni e alla manutenzione degli stessi. La Sede Legale si trova a Roma in Piazza della Croce Rossa, 1. Ad essa si aggiungono le sedi di Torino, Milano, Genova, Venezia, Verona, Trieste, Bologna, Firenze, Napoli, Reggio Calabria, Bari, Ancona, Palermo, Cagliari.

Da maggio 2019, è operativa Blue Jet, la nuova società controllata da RFI (Blu Jet S.r.l.100%) e creata per rafforzare il sistema di attraversamento dello Stretto di Messina garantendo il collegamento navale dei passeggeri tra Messina, Villa San Giovanni e Reggio Calabria. Mentre la società Bluferries S.r.l., sempre interamente controllata da RFI, ha per oggetto sociale le attività di traghettamento di mezzi gommati sullo Stretto di Messina.

Amministratrice Delegata e Direttrice Generale: Vera Fiorani

Direzione Risorse Umane e Organizzazione: Claudio Terzi 

Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo: Andrea Pascucci 

Direzione Acquisti: Giuseppe Albanese

Direzione Strategie, Pianificazione e Sostenibilità: Gianfranco Pignatone

Direzione Internal Audit: Edgardo Ugo Stefano Greco

Direzione Affari Legali e Societari: Vincenzo Sica

Direzione Investimenti: Vincenzo Macello

Direzione Commerciale: Christian Colaneri

Direzione Circolazione: Daniele Moretti

Direzione Operativa Infrastrutture: Giulio Del Vasto

Direzione Stazioni: Sara Venturoni

Direzione Tecnica: Paola Firmi

Direzione Protezione Aziendale: Giuseppe Francesco Lamanna

Sicurezza di Rete e Qualità: Paolo Genovesi

Ricerca e Sviluppo: Eugenio Fedeli

Centro Studi e Progetti Innovativi: Giulia Costagli

Asset Management: Donatella Fochesato

Relazioni con i Media: Marco Mancini

Risk Management e DPO: Carla Cioffi

Consiglio di Amministrazione

Presidente: Anna Masutti
Amministratrice Delegata e Direttrice Generale: Vera Fiorani
Consigliere: Enrico Corali
Consigliere: Silvio Martuccelli 
Consigliere: Giuseppe Antonio Taini

Dirigente Preposto: Andrea Pascucci

Collegio Sindacale

Presidente: Mauro D’Amico
Sindaco effettivo: Silvia Razzolini
Sindaco effettivo: Lorenzo Stanghellini
Sindaco supplente: Ennio Celio Luglio
Sindaco supplente: Monica Petrella