Scali ferroviari: sottoscritto l’accordo per il grande piano di riqualificazione delle 7 aree dismesse

Come cambierà Milano nei prossimi 20 anni

Foto: sottoscrizione dell'Accordo di riqualificazione da parte degli esponenti del  Comune di Milano, Regione Lombardia, FS Italiane con Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, e Savills Investment Management Sgr

Milano, 22 giugno 2017

 

Presso lo Scalo Farini è stato sottoscritto oggi l'Accordo di Programma da Comune di Milano, Regione Lombardia, Ferrovie dello Stato Italiane con Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, e Savills Investment Management Sgr (proprietaria di una porzione di area all’interno dello scalo Farini) per la riqualificazione dei 7 scali ferroviari dismessi, che insieme occupano una superficie di 1.250mila m², di cui circa 200mila rimarranno a funzione ferroviaria.

Si tratta del più grande piano di rigenerazione urbana che riguarderà Milano nei prossimi 20 anni nonché uno dei più grandi progetti di ricucitura e valorizzazione territoriale in Italia e in Europa. L’Accordo recepisce le richieste indicate lo scorso novembre dal Consiglio Comunale e le istanze emerse durante il lungo percorso di partecipazione e dibattito pubblico che ha visto il coinvolgimento di oltre 60mila persone.

Di seguito i punti chiave:

  • oltre 675mila m², pari al 65% della superficie territoriale, riservati ad aree verdi e spazi pubblici;

  • 97 milioni di euro di investimenti finalizzati alla costruzione e all'ammodernamento delle stazioni lungo la Circle Line;

  • 214 milioni di euro di investimenti legati all’urbanizzazione delle aree;

  • almeno il 32% delle volumetrie complessive destinate a funzioni non residenziali e almeno il 30% a residenza sociale e convenzionata;

  • singoli scali dotati di vocazioni funzionali previste nella mozione di iniziativa consiliare e indicate dai Municipi;

  • valorizzazione dei sette scali ferroviari dismessi, non strumentali alle attività di trasporto in tutta Italia.


«Sono molto contento di questo accordo – ha commentato l’AD e DG del Gruppo FS Italiane Renato Mazzoncini – perché mettiamo insieme due elementi importanti del nostro Piano Industriale: lo sviluppo della mobilità e quello del territorio. FS dal canto suo ha l'obiettivo di collaborare attivamente alla trasformazione urbanistica di Milano con ingenti investimenti».

Condividi:
Condividi su Google Plus