Cenni Storici

25 Ottobre 1984

Nasce Italferr con la missione di promuovere l’eccellenza dell’ingegneria ferroviaria italiana sul mercato nazionale ed internazionale.

Anni 1984-1999

Italferr diventa la prima stazione appaltante del Paese. Le importanti e numerose responsabilità in Italia ed all'estero fanno si che la Società avvii, nell'ambito di una progressiva evoluzione istituzionale e societaria, un deciso processo di efficientamento dei principali processi produttivi, favorito anche dall'autonomia gestionale delle proprie risorse, per ridurre sensibilmente i costi e i tempi di produzione. Sono anni in cui la competizione rende sempre più necessaria l'acquisizione di certificazioni di qualità per allinearsi con le grandi società di ingegneria pura presenti sul mercato.

Anni 1999-2004

E’ protagonista del più importante processo di accelerazione degli investimenti ferroviari mai avvenuto in Italia, progettando la maggior parte delle opere individuate dalla cosiddetta Legge Obiettivo. 

La complessità degli interventi è un forte stimolo per ambire a traguardi sempre più sfidanti. 

Le tecnologie innovative ricevono in questa fase un forte impulso grazie all’inaugurazione del nuovo sistema di comando e controllo della circolazione ferroviaria. 

La realizzazione del sistema AV/AC italiano è a pieno regime e la Società esprime le sue migliori energie nell'innovazione. 

Un sistema valoriale in termini di esperienza e competenza che è destinato ad incrementare i successi con l’attivazione dei moderni impianti tecnologici nei nodi e la realizzazione di opere complesse di attraversamento sulla tratta AV/AC Bologna-Firenze e di snodo sulla tratta AV/AC Napoli-Salerno. 

Non solo costruzione delle linee AV/AC con l’attivazione della Milano-Bologna, ma anche di  nuovi centri di manutenzione dei treni per l’Alta Velocità, con l'avvio dell'Impianto Dinamico Polifunzionale di Napoli e l’attivazione del più grande ACC d'Italia a Pisa.

L’esperienza maturata in Italia consente di acquisire molteplici incarichi all’estero. 

Tra i più rilevanti, la redazione del Piano Generale dei Trasporti in Iraq, l’assistenza tecnica alle ferrovie Ceche, Slovacche, al Ministero dei Trasporti Sloveno e alla Bosnia Erzegovina per lo sviluppo delle reti macedoni e serbe, la progettazione preliminare ed esecutiva di impianti di manutenzione in Turchia e in Iran, in Serbia e Algeria e l’ammodernamento dell’infrastruttura ferroviaria in Siria.

Anni 2004-2009

Grazie al sistema AV/AC, il volto delle infrastrutture ferroviarie italiane si presenta profondamente cambiato. 

Una modernizzazione accompagnata da Italferr che ha coinvolto non solo gli aspetti tecnici, ma soprattutto l’approccio culturale nel concepire il viaggio. 1000 km di binari percorsi a 300 km/h attraversano l’Italia da Torino a Salerno comprendendo gli oltre 254 km della Direttissima Roma-Firenze, già in funzione dall’inizio degli anni ’80, e le linee Napoli-Salerno e Milano-Bologna entrate in esercizio nel 2008. 

Vengono attivate la nuova linea Milano-Novara che, allacciandosi alla Novara-Torino, completa la linea AV/AC Torino-Milano, i 19 km dell’innesto AV/AC Gricignano-Napoli, che collegano al sistema di trasporti campano la Roma-Napoli e la grande opera Bologna-Firenze. Gli impianti tradizionali lasciano via via il campo a tecnologie innovative che consentono di governare la circolazione nei più importanti nodi ferroviari italiani. 

Le nuove sfide per uno sviluppo sostenibile si arricchiscono di strumenti progettuali alternativi in cui si ottimizzano i consumi per non generare o per contenere le pressioni sull’ecosistema. In questa direzione Italferr sviluppa la metodologia dell’Impronta Climatica per la misura, già in fase di progettazione, delle emissioni di CO2 nella realizzazione di infrastrutture ferroviarie. 

Vince due Merit Award, uno per il sistema di gestione integrata “Qualità Ambiente, Salute e Sicurezza” (ISO 9001; ISO 14001; OHSAS 18001) e l’altro per la nuova metodologia di calcolo sull’impronta climatica (ISO 14064-1). 

Il portafoglio estero si potenzia con acquisizioni in Algeria, Romania, Croazia, Serbia e con l'avvio dello studio per l’ammodernamento del corridoio Balcanico.

Anni 2009-2014

E’ caratterizzato da un ulteriore avanzamento dei lavori sulla rete ferroviaria nazionale. Il sistema AV/AC si arricchisce con l’inaugurazione della prima stazione AV d’Italia, Roma Tiburtina, con l’avvio dei lavori della stazione di Napoli Afragola, con il completamento di quella AV Mediopadana di Reggio Emilia e del passante ferroviario di Bologna, con la nuova stazione AV sotterranea. 

Un’opera unica attraverso la quale si è ottenuta una straordinaria performance delle tipologie di traffico, ad alta velocità e regionale, che separatamente vi convergono. 

Vengono avviate la nuova linea AV/AC Milano-Verona, il Terzo Valico dei Giovi, il potenziamento del nodo di Genova, il Passante e la nuova stazione AV di Firenze. 

Hanno inizio gli approfondimenti progettuali e gli affidamenti per gli itinerari Napoli-Bari e Palermo-Catania-Messina. 

La capacità di misurarsi anche con complesse realtà transfrontaliere trova espressione nei progetti strategici relativi al nuovo collegamento ferroviario Torino-Lione e nella Galleria di base del Brennero, oltre alla tratta di accesso sud alla stessa. 

La società rafforza il suo impegno internazionale in particolare consolidando i rapporti commerciali con i Balcani attraverso la revisione del Piano Strategico per l’ammodernamento della rete ferroviaria del Paese. 

Per mantenere la posizione acquisita in quest’area, costituisce la Infrastructure Engineering Services, società detenuta al 100% da Italferr. Acquisisce, tra l’altro, lo studio di fattibilità della stazione multimodale di Tirana e la progettazione di una tratta ferroviaria in Croazia. 

Vince il concorso per la progettazione della prima stazione AV d’Africa a Casablanca, progetta in Egitto il nuovo sistema di segnalamento per la linea il Cairo-Porto Said, fornisce assistenza tecnica ad ANESRIF, l’Agenzia del Governo Algerino per l’attuazione del programma degli investimenti ferroviari, e con l’ “Arab Network Railway Study” definisce tutti gli interventi finalizzati alla creazione di una rete ferroviaria in grado di favorire l’integrazione dell’intero mondo Arabo. 

Tra le acquisizioni più prestigiose e recenti, la progettazione della nuova linea ferroviaria tra Jeddah e Al Jubail in Arabia Saudita, “The Saudi Landbridge Railway Project”, quella di “The Doha Metro Red Line Underground” in Qatar, “Consultancy Services for Preliminary Design of the National Railway Project in the Sultanate of Oman”, ambizioso progetto per lo sviluppo della nuova rete ferroviaria in Oman, la supervisione dei lavori per la realizzazione del Tunnel Eurasia in Turchia, insieme alla progettazione del collegamento tra gli aeroporti di Esenboga e Ankara. Italferr acquisisce lo sfidante incarico per la direzione dei lavori di EXPO Milano 2015, la rassegna espositiva internazionale dedicata al tema dell’alimentazione e della sostenibilità, svolta dal 1° maggio al 31 ottobre 2015, su una superficie di un milione di metri quadri.

Anni 2014-2015

Italferr approda nelle Americhe con il coordinamento e l'integrazione dell'ingegneria delle linee 2 e 4 della Metro di Lima, con l’assistenza tecnica per la progettazione della linea ferroviaria di 560 km tra Acalandia-Barcarena in Brasile e con il progetto “Ferrogrão” di assistenza per lo sviluppo di analisi di redditività della futura concessione della linea brasiliana. Entra a far parte dei designer a supporto della Joint Venture di Costruttori per il progetto di gara del pacchetto “Design & Build del Contract Package 4” dell'Alta Velocità Californiana. 

La Società si espande anche in Africa con l’“Update Master Plan Congo” per la revisione dell’attuale Piano dei Trasporti, con i servizi di consulenza, di manutenzione ed esercizio della nuova linea ferroviaria etiope Addis Abeba-Djibouti e l'assistenza tecnica e organizzativa alle Ferrovie Etiopi. Incarichi, questi ultimi, che confermano la leadership di Italferr nel panorama delle grandi società di ingegneria mondiali.

Condividi:
Condividi su Linkedin